Home / Notizie / Porta – capolista PD per la Camera in Sudamerica il Consolato di Montevideo merita una costante attenzione

Porta – capolista PD per la Camera in Sudamerica il Consolato di Montevideo merita una costante attenzione

Il Sottosegretario Staffan de Mistura risponde a un’interrogazione del Parlamentare del PD sulle esigenze del Consolato italiano in Uruguay

La risposta che per conto del Ministero degli esteri il Sottosegretario Staffan de Mistura ha dato ad una mia vecchia interrogazione sul Consolato di Montevideo, pur in un quadro di fondo abbastanza grigio, presenta qualche punto di luce.

Le mie richieste, infatti, si concentravano su due aspetti: rafforzare la dotazione di personale in considerazione dell’elevato numero di connazionali residenti (106.000), per altro in continua crescita per le nuove richieste di cittadinanza, e prendere in considerazione l’opportunità di riconoscere il consolato di Montevideo come consolato generale.

In premessa, il MAE non perde l’occasione di ricordare che a causa delle note restrizioni di bilancio il personale delle aree funzionali è sceso di 700 unità dal 2006 al 2012. Come dire: “perdete ogni speranza voi ch’entrate…”. Nonostante l’esordio non proprio incoraggiante, tuttavia, il Ministero annuncia che dopo oltre 18 mesi nel primo trimestre di quest’anno dovrebbe arrivare un coordinatore amministrativo, destinato a completare l’organico esistente. Si aggiunge poi, sia pure con la consueta cautela, che vi sarebbe l’intenzione di rispondere in modo positivo alla richiesta del consolato di assumere altre due unità a contratto, una delle quali in sostituzione di un’impiegata in corso di cessazione.. Ma quali saranno i tempi reali di queste assunzioni? Per quanto mi riguarda, se confermato come parlamentare, non mancherò di continuare a seguire la cosa.

Un ulteriore impegno di rafforzamento della dotazione di personale, che pure avevo sollecitato nella mia interrogazione, viene invece considerato incompatibile con le possibilità reali di attribuzione di personale alle sedi dell’area, rispetto alle quali, a loro dire, quella di Montevideo sarebbe sostanzialmente in linea.

Circa la richiesta di elevazione a consolato generale non c’è un secco rifiuto, ma sono ormai troppo abituato a decrittare il burocratese per non capire che allo stato viene considerata altamente improbabile. Il MAE, a questo proposito, fa un’affermazione che non vorrei far cadere, dicendo che di per sé il riconoscimento di un consolato generale non comporta una maggiore ottimizzazione dei servizi. E’ così? Bene, allora ripartiamo proprio da questo, cioè dalla quantità e qualità dei servizi prestati ai cittadini italiani residenti a Montevideo. Si continui a monitorare la congruenza dei servizi rispetto ai bisogni e si verifichi costantemente l’andamento della crescita dell’utenza per l’accoglimento delle richieste di cittadinanza. Sia questa la vera misura delle decisioni riguardanti il consolato di Montevideo e questo è anche il mio impegno in caso di prosecuzione dell’attività parlamentare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*