Home / Notizie / Fabio Porta (PD): Martedi la videoconferenza tra il Parlamento Italiano e l’Assemblea Legislativa del Venezuela. Un altro signifivativo atto a sostegno della liberta’ e della democrazia

Fabio Porta (PD): Martedi la videoconferenza tra il Parlamento Italiano e l’Assemblea Legislativa del Venezuela. Un altro signifivativo atto a sostegno della liberta’ e della democrazia

Roma, 24 luglio 2017 – Ufficio Stampa On. Fabio Porta

“Martedì alle ore 14 (ora italiana) le Commissioni Esteri di Camera e Senato si collegheranno in video-conferenza con una delegazione parlamentare del Venezuela”.

Fabio Porta, Presidente della sezione italiana dell’Unione Interparlamentare del gruppo parlamentare di amicizia Italia-Venezuela, conferma che da mesi è in contatto con il suo omologo venezuelano, deputato Luis Stefanelli e che domani, grazie ad una iniziativa delle commissioni esteri del Parlamento italiano in collaborazione con deputati e senatori del gruppo di amicizia, sarà possibile un confronto – sia pure a distanza – tra parlamentari italiani e venezuelani sul difficile momento che il Paese sudamericano attraverso.

“Avremmo preferito incontrarci di persona – ha dichiarato l’On. Porta – ma le condizioni attuali non lo consentono, soprattutto all’indomani della violenta irruzione di gruppi paramilitari nei locali del Palazzo Legislativo di Caracas e l’aggressione e il ferimento di sette deputati venezuelani.”

Lo scorso 16 luglio, proprio su iniziativa del Parlamento, i venezuelani sono stati chiamati ad esprimersi rispetto alla proposta di “Assemblea Costituente” avanzata dal Presidente Nicolas Maduro; sette milioni e mezzo di cittadini (dei quali il dieci per cento all’estero) si sono espressi, nella quasi totalità contro la proposta del governo.

Se il Presidente non ascolterà il responso popolare, né i richiami provenienti da pressoché tutti gli organismi internazionali, tra i quali il Vaticano e le Nazioni Unite, il 30 luglio si darà vita ad un’Assemblea Costituente non eletta a suffragio universale ma da fedelissimi del Presidente, provocando ulteriori divisioni e violenze anziché favorire la pacificazione nazionale.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*