Home / Notizie / Fabio Porta incontra a Palermo il Presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta

Fabio Porta incontra a Palermo il Presidente della Regione Sicilia Rosario Crocetta

Roma, 4 aprile 2016 – Ufficio Stampa On. Fabio Porta

 Insieme ai vertici dell’USEF e al Presidente della FIC (Federazione Italiana Cuochi)  del Brasile incontri con gli assessori alle attività produttive e all’agricoltura

Il Presidente del Comitato permanente per gli italiani nel mondo e la promozione del Sistema Paese della Camera dei Deputati, Fabio Porta, ha partecipato a Palermo agli incontri di presentazione della quarta edizione di “I LOVE SICILY”, iniziativa della USEF del Brasile che ogni anno si propone di promuovere il meglio dell’isola a San Paolo e nel resto del grande Paese sudamericano.

Accompagnato dal Presidente dell’USEF Brasile, Antonio Alamia, e dal Presidente della FIC Brasile Bruno Stippe, l’On. Porta ha incontrato il Governatore della Regione Sicilia Rosario Crocetta e gli assessori alle attività produttive e all’agricoltura, Mariella Lo Bello e Antonio Cracolici; agli incontri hanno anche partecipato il Presidente internazionale dell’Unione Siciliana Emigrati e Famiglie, Angelo Lauricella, ed il Segretario Generale, Salvatore Augello.

“La promozione dell’Italia nel mondo si può fare in maniera vincente ed efficace grazie alla grande presenza delle nostre collettività all’estero – ha dichiarato il deputato eletto in America Meridionale – e l’USEF sta dimostrando in maniera esemplare come anche il tradizionale mondo dell’associanismo italiano nel mondo può dare un proprio originale contributo in tal senso”.

“Da quattro anni ‘I love Sicily’ sta dimostrando che è possibile coniugare cultura e internazionalizzazione – ha aggiunto Porta – e mi pare importante l’attenzione che i rappresentanti della Regione Sicilia, a cominciare dal Presidente Crocetta, stanno dando all’iniziativa”.

“In Brasile e in tanti altri Paesi stiamo così già attuando quanto stabilito dalla legge sull’internazionalizzazione, dove inserimmo due anni fa un emendamento che prevedeva il coinvolgimento della comunità italiana che vive all’estero in questo fondamentale processo di penetrazione commerciale del Paese nel mondo”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*